Chi siamo

La nostra Storia

Farmacia Conte

Farmacia Conte

Negli anni immediatamente successivi all'Unità d'Italia non esisteva una normativa che regolamentasse uniformemente in tutto il territorio nazionale l'esercizio della Farmacia.

La legge Crispi (legge 22 dicembre 1888, n. 5849) rappresentò il primo passo in materia. All'epoca il farmacista che assumeva la qualifica di "Speziale" era colui che preparava, con il medico, i medicamenti necessari per la cura della malattia.
Riforma GIOLITTI (1913): il processo di riordinamento legislativo parte nel 1913 e si conclude nel 1934 con l'approvazione del Testo Unico delle Leggi Sanitarie (TULS). Nella riforma Giolitti si afferma il principio che:
l'assistenza farmaceutica alla popolazione, e quindi l'esercizio della Farmacia, è un'attività primaria dello Stato, esercitata direttamente dallo stesso attraverso gli Enti locali (comuni), oppure delegata a privati per l'esercizio, in regime di concessione governativa.
Art. 32 della Costituzione.
La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

 

Ai nostri giorni...

+

Per giungere ai giorni nostri la Farmacia si pone come sportello SEMPRE APERTO tra lo Stato ed il paziente (esiste una Farmacia in Italia laddove non c'è neanche una caserma dei Carabinieri).
IN QUEST'OTTICA SI PONE LA GESTIONE DELLA NOSTRA FARMACIA ORMAI DAL 1971.

+

La Farmacia Conte è in VIA MARTINA angolo VIA PETRACCA angolo VIA PALERMO con facilità di parcheggio e accesso per disabili.